Hard fork Bitcoin Gold

0
561

Il Bitcoin oltre i 6000 dollari.

Il Bitcoin è il re incontrastato delle criptovalute e la sua corsa sembra non fermarsi più. In questo momento (22 Ottobre 2017) i prezzi si avvicinano a 6.000 $ , in leggera flessione da ieri quando si è avvicinato ai 6.200 $ (portando il suo capitale totale a 103 miliardi di dollari) e in attesa dell’atteso Hard Fork.
Il rally del sabato è arrivato… Gli analisti sono quasi certi che i prezzi possono ancora andare più in alto, un vero e proprio cripto-rally. Tom Lee, Global Advisor di FundStrat, ritiene che i prezzi potrebbero superare 25.000 dollari nei prossimi cinque anni. Infatti, dice che questa è una stima prudente.

Hard Fork Bitcoin Gold

Coinbase ha fatto una vera scoperta venerdì nella sua sezione FAQ, dove ha sostenuto che Bitcoin Gold (BTG) ha già privatamente forgiato. La forcella privata si è verificata “ad un punto conosciuto solo dal team di sviluppo di Bitcoin Gold”. La moneta digitale di nuova provenienza sarà resa pubblica quando il blocco di Bitcoin raggiunge il blocco no. 491.407. Ciò è previsto per il prossimo mercoledì.

Bitcoin Gold non è un hard fork tipico nel senso tradizionale del termine. La data di mercoledì è quando il primo blocco verrà estratto. La rete Bitcoin non avrà alcun ruolo in questo processo.

Molti sono ancora scettici se BTG sia legittimo. Il codice non è stato reso disponibile e gli sviluppatori hanno già estratto decine di migliaia di blocchi.

La riluttanza di BTG per rilasciare pubblicamente il suo codice è un “rischio di sicurezza”, secondo Coinbase. In quanto tale, lo scambio statunitense non supporterà la nuova moneta. Il broker rimane impegnato nell’aggiungere il supporto per l’hard fork di Segwit2x nel mese di novembre.

“Dopo il fork, permetteremo l’accesso quando avremo accertato che ogni blockchain è sicuro e stabile”, ha detto Dan Romero in un post sul blog all’inizio di questo mese. “Ci aspettiamo che questo accada entro pochi giorni dal fork, ma potrebbe richiedere più tempo se emergono rischi aggiuntivi”.