Charlie Shrem, il fondatore di BitInstant

0
562
Charlie Shrem, il fondatore di BitInstant

Charlie Shrem

Charlie Shrem, il fondatore di BitInstant

Charlie Shrem è stato tra i primi ad iniziare a concentrarsi maggiormente su Bitcoin quando fondò BitInstant nel 2011. L’imprenditore stava facendo affari quando un bitcoin valeva solo qualche dollaro.

Il valore del bitcoin non era 2.600 $ e perciò la sua azienda è diventata la più grande sul mercato. Charlie Shrem gestiva circa un terzo di tutte le operazioni di bitcoin alla volta. ”Parli con 10 persone”, cosi afferma Charlie Shrem, “Ti garantisco che almeno sette di loro hanno ottenuto il loro primo bitcoin da BitInstant”.

Tuttavia, Charlie Shrem venne arrestato nel gennaio 2014 mentre tornava da Amsterdam. Il fondatore di BitInstant è stato dichiarato colpevole di aver finanziato un money transmitter senza licenza. Secondo i dati del tribunale, Shrem ha anche aiutato indirettamente la piattaforma illegale Silk Road del deep web ad inviare 1 $ milione in bitcoin. Egli è stato condannato così a due anni di carcere ed ha dovuto rendere $ 950.000 allo Stato.

Una carta di credito prepagata in Dash

Nonostante ciò dopo poco più di un anno è stato rilasciato dall’Istituto. Ora Charlie Shrem ha dichiarato di essere tornato e cerca di rimettersi in gioco. Il suo mondo è cambiato drammaticamente. Bitcoin era l’unica moneta digitale quando era primo nell’ambito. Ora è meno importante perché ha dato vita a centinaia di nuove risorse digitali.

Il fondatore di BitInstant afferma che ora non starebbe più operando principalmente per se stesso ma vuole invece usare i suoi talenti per rafforzare la crypto-community.

Charlie Shrem ora si sta concentrando su un progetto che permetterebbe agli utenti di Dash di pagare in modo conveniente con questa criptovaluta. Ha annunciato che sta lavorando alla creazione di una carta di credito prepagata su cui gli utenti possono caricare Dash. La valuta digitale sarà convertita in valuta fiat per essere utilizzata in qualsiasi attività che accetta carte di credito.

Il suo piano ha ottenuto molto sostegno all’interno della comunità di Dash. Se riuscirà, la prima carta di credito di Shrem sarà utilizzata negli Stati Uniti.

La partnership con Jaxx

Shrem si è anche unito alla start-up Jaxx, che offre agli utenti un portafoglio multipiattaforma. Jaxx ha aggiunto Dash nell’agosto 2016 alle altre criptovalute, tra cui Bitcoin , Ether e DAO. Il portafoglio riconosce anche 23 valute fiat. Anthony Di Iorio, fondatore della società che ha anche fondato Ethereum , ha dichiarato che l’obiettivo della partnership con Jaxx è quello di creare un’interfaccia Blockchain per le masse simile al compito effettuato dai browser.

La concorrenza del Bitcoin

Anche se Charlie Shrem ha costruito la sua fortuna su Bitcoin, oggi la valuta digitale un tempo dominante è calata drasticamente. A causa di limitazioni nel suo codice, la rete Bitcoin può elaborare solo sette transazioni al secondo. E’ una quantità insignificante per qualsiasi sistema che aspira a servire le masse.

Non solo è Bitcoin più lento di alcuni dei suoi rivali più giovani, è anche più limitato. Molti dei nuovi sistemi possono essere utilizzati per altre funzioni. I Creatori di Ethereum , ad esempio, hanno costruito una rete potenzialmente più versatile incorporando un linguaggio  che consente agli sviluppatori di creare smart contracts.

Charlie Shrem, il fondatore di BitInstant