Blockchain rivoluzionerà le professioni legali?

0
513
ERC20 Token Standard di Ethereum

La tecnologia blockchain porterà ad una vera e propria rivoluzione digitale nella società contemporanea. Introdurrà nuovi linguaggi, comportamenti, stili di vita, modalità di comunicazione ed organizzazione del lavoro.

La digitalizzazione offre un potenziale in grado di cambiare con devastante forza innovativa ambiti ritenuti fino ad ora pressoché immutabili, aprendo nuove straordinarie possibilità e rimodellando drasticamente molte professioni.

In questo contesto, un notevole interesse, dal punto di vista dell’operatore giuridico, ha suscitato l’emergere delle criptovalute e, ancora di più, del sottostante protocollo informatico conosciuto come “blockchain” – le cui potenzialità appaiono in grado di produrre cambiamenti epocali.

Blockchain, definizione e funzionamento

Parlare di blockchain significa anche parlare di Bitcoin, essendo i due fenomeni strettamente correlati. Un grande sistema digitale sul quale costruire svariate applicazioni tramite “contratti intelligenti”.

Una di queste è la criptovaluta Bitcoin, un innovativo sistema di pagamento “peer to peer”. Essa consente i pagamenti online direttamente da soggetto a soggetto senza il bisogno di avere un intermediario.

Ma più che il sistema di pagamento di per sé, per quanto innovativo, è il sottostante meccanismo ad essere potenzialmente rivoluzionario. Oggi, Bitcoin è solo una delle circa 900 applicazioni che usano il sistema blockchain.

Con la parola Blockchain (letteralmente “catena di blocchi”) si indica un vero e proprio registro pubblico, un libro contabile che si aggiorna automaticamente su ciascuno dei nodi che partecipano alla rete condivisa.

I dati sono sicuri, una copia totale o parziale del block chain è memorizzata su tutti i nodi.

I record contenuti sono di due tipi: le transazioni (i dati veri e propri) e i blocchi, che sono la registrazione e la certificazione di quanto ed in quale ordine le transazioni sono state inserite nel database.

Le transazioni sono create dai partecipanti alla rete durante le loro operazioni. Ad esempio il trasferimento di valuta ad un altro utente.

I blocchi invece sono generati da altri soggetti chiamati miners, che utilizzano software e hardware specializzato per creare i blocchi. L’attività dei miners viene ricompensata con l’assegnazione di monete virtuali.

Quando una transazione viene eseguita e portata a termine, viene raggruppata in un blocco protetto da crittografia unitamente ad altre transazioni concluse negli ultimi minuti e diffuse in tutto il network. Li vengono validate dai cosiddetti “miners”. Al “blocco” così convalidato viene apposta una marca temporale. Viene poi unito agli altri blocchi in una catena lineare continuamente aggiornata.

Ogni “ledger” nel network è così uguale a tutti gli altri e consente a tutti i membri di mostrare chi possiede cosa.

Questa struttura decentralizzata, aperta e crittografata fa sì che gli scambi possano avvenire senza l’ausilio di intermediari. Blockchain rivoluzionerà anche la cybersecurity. Questo comporta notevoli benefici anche a livello di sicurezza. Rendendo pressoché impossibili gli attacchi hacker.

Perciò, qualora volesse violare un blocco, il potenziale hacker dovrebbe violare tutti i blocchi costituenti la catena risalendo sino al suo punto iniziale. Manomettendo ciascuno dei ledgers nel network che potrebbero virtualmente essere milioni contemporaneamente.

Per queste sue caratteristiche di sicurezza questa tecnologia ha suscitato grande interesse nel mondo bancario e finanziario. Oltre 40 primarie banche mondiali (fra cui JP Morgan, BNP PARIBAS) hanno costituito un consorzio per studiarne ed implementarne l’applicazione.

Blockchain una rivoluzione per le professioni legali
Legaltech – la tecnologia legata al mondo legale

Le professioni legali

Sicuramente la Blockchain racchiude un potenziale innovativo esplosivo. Potrà “sostituire” il professionista legale (avvocato, notaio o consulente) nella redazione dei contratti e gestione dei rapporti contrattuali?

Senza lasciarsi trasportare da eccessivi “entusiasmi” tecnologici, si può prevedere che gli smart contracts necessiteranno di professionisti in grado di padroneggiarne le tecnologie.

Quindi essi dovranno essere preparati all’arrivo dirompente della “legaltech”. Blockchain rivoluzionerà così anche le professioni legali.

blockchain, rivoluzionerà, professioni, legali, criptovaluta,blockchain, rivoluzionerà, professioni, legali, criptovaluta